Archivio categoria: Sweet Sixteen

sweet sixteen

Sweet Sixteen

Il regista inglese Ken Loach, celebre per il suo disincantato realismo semi-documentaristico, sembra che stavolta sia rimasto intrappolato nel sentimentalismo un po’ troppo incantato dell’adolescenza, dichiarato apertamente da quell’aggettivo del titolo. Intendiamoci, non che egli sia mai stato un regista cinico, i suoi personaggi disagiati hanno sempre rivelato una profonda umanità, così come le sue periferie […]