Archivio tag: BIM

La vendetta di un uomo tranquillo

Assomiglia al suo protagonista il film di Raul Arevalo: è asciutto, di poche parole, apparentemente dimesso, mentre cova dentro una rabbia fortissima e deflagrante, una forza che sorprende, colpisce (e, si parla sempre di quello che accade sullo schermo, inesorabilmente punisce). Tarde para la ira (Tardi per la rabbia), infelicemente tradotto in italiano con La […]

Snowden

Coinvolge, affascina e convince il nuovo film di Oliver Stone, dedicato alla controversa figura di Edward Snowden. La storia, quella di un “piccolo uomo” in lotta contro i grandi meccanismi del potere, sembrava fatta apposta per piacere al regista di Jfk e in effetti Stone si è buttato anima e corpo in questo progetto, firmando […]

La ragazza senza nome

Una sera qualsiasi, lo squillo di un campanello cambia per sempre la vita di Jenny Davin, giovane donna che dedica la sua vita alla professione medica. Jenny non apre la porta, ignora il parere del suo giovane aiutante e le sue stesse sensazioni, si affida alla logica: in fondo l’orario di chiusura è passato un […]

Frantz

Chi conosce e ama il cinema del quasi cinquantenne parigino François Ozon (che da giovane faceva il modello per poi convertirsi alla settima arte con risultati che lo hanno consacrato quale uno degli autori più poliedrici e interessanti di questi anni) sa bene che nessuno dei suoi film somiglia a quanti lo hanno preceduto e […]

Questi giorni

Ci sono notevoli momenti di verità, di forza e bellezza in Questi giorni. Il poco ma intenso tempo trascorso con il fratello prete di una delle protagoniste, l’incontro con i ragazzi serbi in un campeggio del Montenegro, le risate in tenda con la lettura di Maupassant, le reazioni di una madre solo apparentemente immatura (l’eccellente […]

I miei giorni più belli

Un film sulla memoria e una professione di fede in un cinema che non c’è più. Lo schermo ci ha offerto molti esempi di questo incontro, e quello che ci propone Arnaud Desplechin è tra i più convinti, se non convincenti. Il regista coniuga sapientemente intreccio e scelte estetiche, facendo un’opera straordinariamente compatta. Il passato […]