Archivio categoria: Michael Haneke

Amour

Parlare dell’amore ai tempi della vecchiaia (tema spesso considerato tabu per via delle complesse implicazioni estetiche che comporta) è di per sé già un’impresa abbastanza impegnativa. Se poi si aggiunge anche quello dell’eutanasia, allora l’impresa diventa un sesto grado cinematografico.  Ma il settantenne austriaco Michael Haneke non è certo un cineasta che si spaventi di fronte […]

il_nastro_bianco_-_haneke

Il nastro bianco

Nel 1997 veniva pubblicato in Italia il libro di Daniel Jonah Goldhagen, intitolato I volenterosi carnefici di Hitler. Si trattava di un ampio saggio che descriveva in modo approfondito le basi molto diffuse, popolari, dell’antisemitismo che poi avrebbero dato vita in Germania al nazismo, mostruosità politica non generata dunque solo dal delirio di alcuni potenti […]

nientenascondere-film

Niente da nascondere

Niente da nascondere di Michael Haneke è una pellicola disturbante, che irrita e spiazza, proprio come la Verità rimossa, che irrompe, apparentemente non richiesta, nella vita del protagonista, un giornalista culturale colto ma gelido, convincentemente interpretato da Daniel Auteuil. Haneke costruisce il film come un vero e proprio rompicapo senza soluzione: se la sua opera precedente, La […]

La pianista

La pianista

Premio della Giuria al Festival di Cannes, La pianista di Michael Haneke è un film contemporaneamente gelido e bollente, come può esserlo soltanto la passione negata. Quella di Erika, quarantenne insegnante di pianoforte a Vienna, è, infatti, la storia di una donna-bambina, incapace di una normale vita affettiva e sessuale. A causa dei castranti rapporti con la […]