Archivio categoria: Scott Rudin

Giovani si diventa

Chi incontrasse anche per caso Josh e Cornelia penserebbe a loro come alla coppia perfetta. Quarant’anni, una bella casa nella parte chic di Brooklyn, entrambi attivamente coinvolti nel mondo della produzione cinematografica, una cerchia di amici sufficientemente colti per condividere con loro passioni ad elevato tasso intellettuale e soprattutto quell’agiatezza che permette di godersi l’esistenza […]

The Grand Budapest Hotel

Chi ha amato (e ovviamente continua ad amare) il cinema del quarantacinquenne texano Wes Anderson ha ormai imparato che ognuno dei film da lui scritti e diretti fino a oggi potrebbe essere letto e presentato come la geniale riproposizione della stessa ricetta preparata però ogni volta con ingredienti diversi mescolati in maniera differente in ciascuna […]

A proposito di Davis

Fin dai primi film con cui si erano immediatamente imposti presso il pubblico e la critica (ovvero da Blood Simple a Crocevia della morte passando per Arizona Junior), una delle caratteristiche peculiari del cinema dei fratelli Coen è sempre stata la capacità di saltabeccare con assoluta leggerezza da un genere all’altro senza però mai dare […]

Il grinta

Capacità di esplorare senza timori gli ampi territori del cinema, abilità nell’attraversare i generi evitando di scadere nell’ovvio. Il cinema inteso come “luogo dello stile”, uno stile mai conformista, ripetitivo e banale. Joel e Ethan Coen navigano nell’oceano filmico da circa ventisette anni (1984 – Blood Simple) con la professionalità di chi conosce perfettamente le […]

The Social Network

Nel febbraio del 2004, il diciannovenne Mark Zuckerberg, studente di Harvard, mette on line il sito thefacebook.com. Alla fine dell’anno successivo il numero degli utenti era già arrivato a 5 milioni e mezzo che, allo stato attuale, sono diventati oltre 500 milioni in tutto il mondo. Una società che vale oltre 25 miliardi di dollari […]

non___un_paese_per_vecchi-img

Non è un paese per vecchi

Più affine alle atmosfere tese e cupe di Fargo e L’uomo che non c’era che a quelle scanzonate e visionarie de Il grande Lebowsky, l’ultimo film dei Coen racconta la storia di un uomo, Llewelyn Moss (Josh Brolin), il quale, rubando una valigia piena di soldi, innesca una tremenda reazione a catena e si ritrova alle calcagna un […]