Ben Zaken di Efrat Corem vince la 22a edizione di Sguardi Altrove

Ben Zaken, regia di Efrat Corem (Israele)

Nella serata di sabato 28 marzo, sono stati annunciati i premi della XXII edizione di Sguardi Altrove Film Festival, tra le più importanti rassegne italiane dedicate al cinema e ai linguaggi artistici al femminile.

Domenica 29 marzo, dalle 10 alle 13, proiezione di tutti i film vincitori presso lo Spazio Oberdan di Milano.

NUOVI SGUARDI – concorso internazionale lungometraggi

Ricerca e selezione a cura di Nicola Falcinella e Patrizia Rappazzo – Giuria: Iole Giannattasio, Elena Stancanelli, Michela Marzano

Premio come miglior film

BEN ZAKEN di Efrat Corem, ISRAELE 2014, 90’

Con la seguente motivazione: Il premio è stato attribuito all’unanimità al film israeliano Ben Zaken. Grazie ad una narrazione asciutta e centrata e ad una curata messa in scena, il film ritrae con equilibrio e sensibilità le difficoltà che incontra un giovane padre single con la figlia undicenne nel delicato contesto di una periferia multietnica israeliana.

Menzioni speciali

DEVYAT DNEIY I ODNO UTRO (NINE DAYS ONE MORNING) di Vera Storzoheva, RUSSIA 2014, 85’

Con la seguente motivazione: Per la delicatezza e l’umanità con cui tratta il difficile tema delle adozioni, senza mai cadere negli stereotipi e i luoghi comun

LE DONNE RACCONTANO – concorso internazionale documentari

Ricerca e selezione a cura di Sergio Di Giorgi, Barbara Sorrentini, Stefania Scattina

Giuria: Laura Delli Colli, Giovanni Giommi, Fabrizio Grosoli

Premio come miglior documentario

TITOS BRILLE (TITO’S GLASSES) di Regina Schilling, GERMANIA 2014, 90’

Con la seguente motivazione: Un viaggio nella memoria personale e nella storia recente che, nonostante le ferite del passato, guarda al futuro con uno sguardo ottimista. Niente retorica e poca nostalgia in un racconto che trova la sua forza in un tocco di straordinaria autoironia.

Menzione Speciale

A TAXI WITH A VIEW di Barbara Nava, ITALIA 2015, 73’

Con la seguente motivazione: In un mosaico di storie personali la difficile condizione di vita di un luogo speciale dove la libertà di raccontarsi dura simbolicamente il tempo di una corsa in taxi

SGUARDI (S)CONFINATI – concorso cortometraggi

Ricerca e selezione a cura di Tiziana Cantarella, Giulia Ghigi e con la collaborazione di Benedetta Malacrida, Bianca Badialetti

Giuria: Anna Franceschini, Lorenzo Vitalone, Rossella Farinotti

Premio come miglior cortometraggio

ZIMA di Cristina Picchi, RUSSIA 2013, 11’27”

Con la seguente motivazione: Zima non solo racconta in maniera egregia, attraverso la forma cinematografica del documentario breve, una regione e una stagione, ma, grazie alla sapienza compositiva della regista, a una precisione di sguardo che non si traduce in una dittatura formale, ma anzi, in una continua apertura dell’immagine verso interpretazioni multiple, si traduce in un viaggio emotivo e percettivo dove la dimensione del freddo si cristallizza in contenuti fattuali, psicologici e sociali e, simultaneamente,  in forme cangianti, ibride e metamorfiche.

Menzione Speciale

ONE NICE DAY di Soosan Salamat, IRAN 2014, 3’30

Con la seguente motivazione: Per la grazia e la semplicità racchiuse in tre minuti di perfetta e toccante narrazione, memore della tradizione iraniana più neorealista, e in grado di trasmettere un messaggio positivo in maniera non didascalica, restituendo,  con coraggio e con un atto controcorrente, un cinema di speranza.

Menzione Speciale

LES VOIX DE YACINE (YACINE VOICES) di Charlotte Menin, FRANCIA / GERMANIA 2013, 16’

Con la seguente motivazione: Per il raffinato utilizzo del linguaggio del cinema sperimentale, per la pregnanza con cui immagine e parola vengono messe in relazione, attraverso l’alternarsi di presenze e di assenze.

Premio speciale consegnato dalla componente femminile del SINDACATO NAZIONALE GIORNALISTI CINEMATOGRAFICI – miglior documentario

Premio speciale SNGCI al miglior documentario

TITOS BRILLE (TITO’S GLASSES) di Regina Schilling, GERMANIA 2014, 90’

Con la seguente motivazione: Va a Regina Schilling, autrice di Titos Brille (Tito’s Glasses) il Premio speciale della Giuria al fenmminile del SNGCI tra i film proposti dal Festival Sguardi altrove che si conclude oggi a Milano. Così  ha deciso la giuria SNGCI delle giornaliste che da sempre seguono con attenzione il documentario e con  particolare sensibiità il cinema del reale realizzato dalle autrici.

Sottolineando la qualità della selezione per la sua eterogenea attenzione al tema dei diritti spesso violati ma anche per la ‘differenza’ non solo di genereche ha atraversato  la giuria premia il flm della Schilling perchè attraversa sul filo rosso della memoria, ma senza concessioni nostalgiche,  una storia privata nella quale si specchia la fine di un mondo perduto per sempre. Politica e cronaca quotidiana in Tito’s glasses s’intrecciano in uno sguardo che porta davvero altrove i vecchi eroismi di una grande illusione, cercando ‘oltre’ l’equilibrio tra passato e presente.

A votare il miglior documentario nella sezione Le donne raccontano rappresentate a Milano dalla Presidente del Sindacato, Laura Delli Colli, sono state Fulvia Caprara (La Stampa), Arianna Finos (La Repubblica), Stefania Ulivi (Corriere della Sera-La 27.ma ora), Susanna Rotunno (Rainews 24), Miriam Mauti (radio Città Futura e Hollywood Party), Cristiana Paterno’ (Cinecittà news) e Teresa Marchesi, (a lungo cronista di cinema del Tg3). Il Sngci, che ha da sempre uno sguardo attento al cinema delle donne, ha da poco assegnato al meglio del cinema del reale 2014 i premi  per il documentario, consegnando il Nastro d’Argento 2015, per la seconda volta – a tre anni da Terramatta – alla regista Costanza Quatriglio, che ha vinto con Triangle.