Fellini 8 e mezzo

Ennio Flaiano: il suggeritore infelice

Di Ennio Flaiano, scrittore e uomo di cultura, sono principalmente noti i corsivi, le citazioni, gli epigrammi, gli aforismi, i racconti, le commedie, i romanzi, ed è, invece, quasi sempre dimenticato il suo lavoro per il cinema. In realtà, i film da lui scritti come sceneggiatore costituiscono una produzione ricchissima (circa una sessantina di titoli) e, […]

Garrone Terra di mezzo

Incontro con Matteo Garrone

Pubblichiamo un estratto da una lunga intervista che la nostra redattrice Mariella Cruciani ha effettuato con il regista Matteo Garrone Come sei arrivato a fare cinema? Il marito di mia madre è direttore della fotografia, mio cugino è operatore, mia madre faceva la fotografa di scena: è stato naturale! Io ho iniziato come aiuto operatore: […]

Non solo Argentina – Incontro con Marco Bechis

La versione integrale dell’intevista al regista Marco Bechis sarà pubblicata sul primo numero del 2002 di CineCritica. Alambrado (1991), il tuo primo film, ha molti punti in comune con Figli/Hijos (2001). In entrambi i casi si sente la violenza dei legami familiari: in Alambrado i figli sono distrutti dal padre, in Figli, la violenza, nella […]

Cinema italiano: parla Giuseppe Piccioni

Hanno sparato sul regista. Gli strali non hanno risparmiato nessuno, da Mancheswski a Gitai a Ken Loach. A essere colpito nel modo più feroce è stato però Giuseppe Piccioni, reo di aver diretto un film, Luce dei miei occhi, che ha deluso una parte consistente dei giornalisti in forza a Venezia, irritandone fino alla rabbia un’altra esigua […]

Gli inganni della finzione nel cinema iraniano

Nell’ultima inquadratura di Il sapore della ciliegia (Ta’m e guillas, 1999) (1) di Abbas Kiarostami la cinecamera anziché chiudere sul buco coperto di terra, dimora solitaria e finale del protagonista, apre lentamente su una troup cinematografica che sta girando quella stessa scena suggerendo così un’interpretazione della morte dell’uomo come morte delle immagini che vorrebbero riprodurne l’essenza dolente […]

LinguadelSanto

Carlo Mazzacurati, poeta degli umili e degli irregolari

Quando si parla di cinema italiano spesso si allude ad un tipo di provicincialismo che parrebbe indulgere sui vizi e i limiti culturali della cosiddetta civiltà italica; a fronte di ciò l’opera del veneto Carlo Mazzacurati costituisce un’eccezione in quanto essa è squisitamente provinciale quanto radicata universalmente nel mondo degli umili e degli irregolari. Di questa […]