Archivio categoria: Uma Thurman

Nymphomaniac – volume 2

L’ultima parte di Nymphomaniac – Volume 1 ci mostrava la protagonista Joe in un momento in un certo senso cruciale: quello della lucida e inquietante presa di coscienza della natura an-estetica del suo (non)sentire sessuale. Il passaggio che segue è logico e quasi scontato: la sospensione del sentire genera la tormentosa necessità di amplificare e […]

Nymphomaniac – Volume 1

Posto che, a causa della durata complessiva dell’ultima opera di Von Trier, sia necessaria una divisione in due capitoli per la distribuzione in sala, l’analisi critica di questa prima parte del film non può avere la pretesa di essere esaustiva e definitiva. Il film stesso infatti si (auto)sospende in un finale “provvisorio” e “transitorio” che […]

Le belve

Oliver Stone da alcuni anni non riesce più a realizzare un film memorabile. Forse si pretende di più da chi è stato capace di vincere 3 Oscar, realizzare opere quali Platoon ma anche il valido JFK – un caso ancora aperto o gli interessanti U-Turn, Natural Born Killers e Wall Street. Sicuramente il mestiere non […]

kill bill volume 2

Kill Bill – Volume 2

Kill Bill sembra situarsi tra la potenza e l’atto, tra l’azione e la riflessione, tra la mappatura e l’esplorazione. Cosa c’è insomma tra l’invenzione e l’esecuzione, tra teoria e pratica, tra l’immaginazione e la ripetizione? La simulazione. Ma Tarantino, come Grande Simulatore, è anche innanzitutto uno Sperimentatore, e appartiene certo alla cerchia dei grandi sperimentatori […]

kill bill vol1

Kill Bill – Volume 1

Tarantino opera una torsione nell’universo cinematografico, facendo scorrere lungo la stessa serie, senza soluzione di continuità, lo spaghetti-western d’autore, il cinema di Hong Kong, quello giapponese dei gangster movie ‘alla yakuza’, il kung-fu movie anni ’60 e ’70, includendo anche fumetti e cartoon di genere (anima) ed ammiccando all’immaginario dei videogiochi e di certe produzioni […]