SNCCI sul diritto e la libertà della critica cinematografica

In seguito alle dichiarazioni di Gianni Amelio che, durante la conferenza stampa di presentazione del suo film “Il signore delle formiche”, in concorso alla 79ª edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, si è rifiutato di rispondere a una domanda del nostro collega Fabio Ferzetti dell’Espresso per una polemica pregressa, attaccandolo con violenza, il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) ribadisce e sostiene la totale autonomia di pensiero e l’indiscutibile libertà d’espressione dei critici cinematografici.

Il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani sottolinea anche l’importanza di mantenere separati i ruoli fra critici e autori, ognuno dei quali è chiamato a muoversi nel proprio specifico ambito di competenza e d’azione.