Tutti gli articoli di: Alberto Anile

Sussurri e Grida #1: Sul pericolo Netflix/Amazon

Sul pericolo Netflix/Amazon

Debutta una nuova rubrica a cura del direttivo del Gruppo Lazio: riflessioni polemiche, o polemiche riflessive, sullo stato delle cose cinematografiche. Comincia Alberto Anile con un contributo sulla questione più scottante del momento, la questione relativa a Netflix e Amazon. La 75ª Mostra di Venezia passerà alla storia soprattutto per due cose: l’anteprima del wellesiano […]

Per una critica di valore. Un contributo

Per una critica di valore

Interviene anche Alberto Anile nel dibattito generato da Piera Spila con il suo intervento sulla “critica del gusto”. E parte da La corazzata Potëmkin, e dalla polemica di fantozziana memoria… L’ultimo anno di liceo, il mio professore di lettere organizzò una lezione speciale di preparazione alla maturità. Eclettico e, per quei tempi, coraggioso, fece tra […]

Una nuova amica

La bocca si apre languida per accogliere il bastoncino del rossetto, gli occhi spalancati sbrilluccicano di rimmel… L’ultimo film di François Ozon si apre su una seduta di cosmesi che si rivelerà – trucco nel trucco – ben altra cosa da ciò che immaginiamo (e che qui conviene non svelare). La prima sequenza di Una […]

Life Itself

Dicono che buttasse giù le sue ragionatissime recensioni nel giro di mezz’ora, “fast and furious”. Roger Ebert, firma storica del “Chicago Sun-Times”, è uno dei nomi mitologici della critica cinematografica americana, anche per via della notorietà dei programmi tv condotti con l’amico/rivale Gene Siskel. Life Itself, documentario diretto da Steve James, racconta vita morte e […]

American Sniper

L’eroe di American Sniper è il supercecchino Chris Kyle, educato dal padre a scattare in difesa dei deboli e della nazione tutta, autore in Iraq di almeno 160 uccisioni in campo nemico. Un colpo e via, da lontano. Dei cinque anni in cui serve il suo paese ne trascorre almeno tre in territorio nemico, occhio […]

Torneranno i prati

C’è un momento, più o meno a metà di Torneranno i prati, in cui forse a qualcuno tornerà in mente Prima linea (1956) di Robert Aldrich, dove un gruppo di soldati, chiusi in una cantina, è vittima dell’insensatezza di un capitano. Scherzi della memoria; pur all’interno dell’argomento bellico, l’ultimo film di Olmi è lontanissimo dal […]